Harley-Davidson Sportster 883 – Scrambler

Lo Scrambler, in campo motociclistico, indica caratteristiche principalmente stradali, al quale sono state apportate delle modifiche per render la moto adatta ad affrontare percorsi sterrati o brevi tratti fuoristrada di trascurabile difficoltà.

Il termine “scrambler” deriva dal verbo inglese “to scramble” che significa mischiare. Così erano chiamate, in alcuni territori di provincia statunitensi della fine anni cinquanta, le motociclette stradali cui venivano applicati manubri, pneumatici e rapporti da fuoristrada, al fine di agevolmente percorrere le lunghe strade sterrate che collegavano i “ranch” alle vie di comunicazione pubbliche.

Harley-Davidson non è un produttore di motociclette che molti assoceranno all’avventuroso fuoristrada, la società ha creato una nicchia significativa come il marchio di incrociatori di asfalto più importante del mondo, ma non appena il bitume si dissolve in ghiaia, staresti meglio a piedi.

E’ nato quindi l’American Scrambler ed Harley-Davidson ha progettato una moto per essere in grado di maneggiarsi sul 99,98% del pianeta che non è lastricato.

La moto che andiamo a presentare è di un Harleysta affezionato al marchio da trent’anni; si tratta di una Sportster 883, modificata in stile scrambler con i colori JPS anni 70/80.

La trasformazione, come ci scrive il suo proprietario, è ‘decisamente’ artigianale ad iniziare dalla verniciatura. Infatti dal vivo vi possiamo garantire che il metallizzato ha un fondo che cambia a seconda dell’angolazione visiva, verso l’oro e non soltanto il grigio di base.

La sella è cucita in modo artigianale, ovvero a mano. Passiamo poi alle sospensioni posteriori che sono di marca Bitubo, mentre quelle anteriori hanno cartucce/molle ad olio tarati per ottenere migliori prestazioni.

Il faro anteriore ha protezione con griglia para-sassi, mentre al posteriore è installato un faro molto particolare con una ghiera ottonata traforata intorno ed il cui effetto è very old racing 😉

La strumentazione, anch’essa modificata, è in stile vintage con le necessarie informazioni: i fronzoli sono per altre tipologie di moto.

Osservando la cinghia si nota che essa è differente dalle classiche, peraltro segue la linea alta della moto mediante un tenditore a cuscinetti.

Non abbiamo avuto modo di provare su strada e sullo sterrato questa fantastica Scrambler personalizzata anni 70/80, ma possiamo anticiparvi che il suono degli scarichi è a dir poco una melodia unica.

In qualsiasi caso, come ha riferito il suo proprietario, la moto è un mix non soltanto estetico, ma soprattutto concretamente ben congegnato nelle sue guidabili prestazioni firmato ovviamente Harley.

.:.

Le immagini di qiesto servizio giornalistico sono del fotografo Giulio Grisendi di Firenze.

Servizio fotografico ritrattistico realizzato in studio su HARLEY SPORTSTER 883 SCRAMBLER.


 

 

LE FOTO TECNICHE

[Condividi]