Le 15 citta’ che non dovremmo mai visitare in automobile

[Condividi]

Un livello di congestione medio del 54%, per esempio, che vuol dire che un conducente medio deve impegnare il 54% di tempo in piu’ per percorrere il suo abituale tragitto, rispetto ad una condizione ideale di traffico. 1 – Bucarest La capitale della Romania ha un livello di congestione medio del 50%, che arriva al 90% nelle ore di punta di mattina e al 98% in quelle della sera. I conducenti perdono una media giornaliera di 57 minuti, cioe’ 218 ore all’anno (il dato e’ calcolato considerando un numero standard di 230 giorni lavorativi all’anno). 2 – Mosca Nei loro tragitti abituali, i conducenti russi dedicano il 44% di tempo in piu’ di quello realmente necessario. Le percentuali arrivano al 71 e al 94 nei momenti di punta della mattina e della sera. 189 sono le ore perse ogni anno. 3 – San Pietroburgo Il traffico della seconda citta’ russa fa perdere ogni anno ai suoi conducenti ben 179 ore. Il livello di congestione e’ in media al 41%, con una situazione particolarmente grave la sera (90%). La mattina, la percentuale e’ invece del 65%. 4 – Londra Se i conducenti non escono di casa con la tipica flemma britannica, perderebbero i nervi. Il motivo e’ un livello di congestione del 40% (64 e 68% nei picchi), Questo si traduce in 152 ore annuali perse in media. 5 – Marsiglia Il gioiello della Costa Azzurra si sfrutta meglio quando non ci si va in automobile. Uguale a Londra per la congestione (40%), e ci si muove peggio alla fine della giornata (75%) rispetto alla mattina (62%). La conseguenza: 158 ore perse ogni anno. 6 – Roma Nella capitale italiana traffico e caos sono sinonimi. Gli ingorghi di traffico sono all’ordine del giorno. Livello di congestione: 40%. Ore perse: 163. 7 – Parigi Se si cerca di aguzzare la vista, dall’alto della Torre Eiffel, si vede meglio la situazione: gli automobilisti perdono il 38% di tempo in piu’ rispetto a quando non c’e’ traffico e passano in automobile 154 ore ore in piu’ del dovuto. 8 – Bruxelles Il tempo in piu’ che e’ necessario per muoversi nella capitale belga fanno la somma di 171 ore in un anno, con un livello di congestione medio del 38%. 9 – Manchester Altra citta’ inglese con problemi, simile a Parigi e Bruxelles. La congestione e’ la stessa (38%), e il numero di ore in piu’ si avvicina a quelle della citta’ belga (169). 10 – Atene La crisi greca ha fatto lasciare un po’ di automobili in garage, ma i problemi persistono. Nel 2010, primo anno dell’indice TomTom, il livello di congestione era del 43%; ora siamo solo al 37%. 11- Varsavia La capitale polacca e’ uguale ad Atene per il livello di congestione (37%) ed e’ al di sopra di Londra per le ore perse (158). 12 – Colonia La prima citta’ tedesca della lista e’ lontana da Berlino per numero di abitanti, ma si circola abbastanza peggio, con una congestione del 34%. 13 – Napoli Ancora caos italiano nelle citta’ europee che sono bloccate dal traffico. Qui si perde in media il 33% di tempo e si mandano nella spazzatura 122 ore ogni anno. 14 – Amburgo Se si scarta la citta di Napoli per visitarla in automobile, lo stesso si deve fare con la tedesca Amburgo, la quarta citta’ piu’ popolata della Germania. I numeri sono: 33% e 116 ore 15 – Nizhny Novgorod Chiude la lista una citta’ russa il cui nome e’ difficile da pronunciare e poco conosciuta, anche se e’ la quarta citta’ del Paese per numero di abitanti. Il suo indice di popolazione si nota nel traffico, con un livello di congestione del 32% ed una perdita annuale di 126 ore. Il primo posto di questa classifica a livello mondiale e’ per Citta’ del Messico (66% e 227 ore), seguita da Bangkok e Giacarta. Notare che Bucarest e’ la quinta piu’ caotica in tutto il mondo. New York (49mo posto) e’ messa meglio di Los Angeles (12) e San Francisco (30). Per l’Italia, dopo Napoli e Roma, abbiamo Milano (72mo posto e 30% di congestione), Torino (113 e 25%), (da un articolo di Sergio Amadoz pubblicato sul quotidiano El Pais del 05/11/2017) ]]>

[Condividi]